Magik Parma - BSL San Lazzaro 89-105

BSL: Zambonelli 2, Scandellari 12, Barattini 11, Annunzi 25, Baietti 10, Guastamacchia 2, Curti 7, Puntolini 6, Puzzo 12, Agriesti 8, Pezzano 10, All.re Comastri, Ass.te Ansaloni.

 

Magik Parma: Allodi 1, Lannutti 2, Malinverni 30, Ferrari 8, Bagatti 5, Bertoni, Cantoni, Pergetti 3, Montagna 18, Botti 3, Berlinguer 9, Resurrecion 10. All.: Donadei

 

Parziali: 26-32; 18-18; 27-27; 18-28

 

 

Partita ad alto ritmo ed attacchi che vincono sulle difese. Firmata la 3° vittoria consecutiva per BSL!

Partita giocata a viso aperto fra le due formazioni, con la Bsl che fin dal primo possesso dimostra di essere ben dentro al match. I padroni di casa, sconfitti una sola volta tra le mura amiche in stagione, rimangono in partita con i viaggi in lunetta.

I biancoverdi sembrano poter dare una spallata alla partita ed in effetti lo fanno due volte nella seconda frazione (+9 e di nuovo +11 al 16'), ma alcune scelte affrettate e banali palle perse tengono "viva" la contesa.

Il secondo tempo si apre con 2 triple di Malinverni per il 50 pari che taglierebbe le gambe. Condizionale, perchè la Bsl da li in poi ha il pieno controllo del match. I padroni di casa non mollano mai, sospinti dalla coppia Malinverni-Montagna (ultimo ad arrendersi con 8 punti nell'ultima frazione), ma la coralità della Bsl viene fuori in tutta la sua bellezza.

Nonostante i molti problemi di falli nel primo tempo, tutti i ragazzi si sono fatti trovare pronti nel terzo e quarto quarto, non solo a livello realizzativo (ben 6 giocatori in doppia cifra, con Annunzi a quota 18 dopo i primi 20' e tutti a referto), ma soprattutto a livello mentale, affrontando in modo maturo i problemi che la partita gli poneva davanti. Davvero da Squadra, con consapevolezza e determinazione a contorno di una bella prestazione.

 

Ora ultima trasferta sull'ostico campo di Cesena, per poi chiudere con due partite tra le mura amiche della Rodriguez alla ricerca di una qualificazione che, nonostante l'ottimo girone di andata, è ancora lontana.

Forza BSL!